Pulizia lotti edificabili

ORDINANZA N.4 DEL 16.04.2015
Pulizia, Sfalcio e Manutenzione lotti edificabili nell’area urbana di Apice

 

IL SINDACO

Premesso che:

  • nell’area urbana del nuovo centro e nella zona PIP sono presenti numerosi lotti edificabili connessi al ricostruzione delle unità immobiliari, formalmente concessi in uso o in proprietà, per i quali gli aventi titolo tralasciano qualsiasi intervento di manutenzione con conseguente crescita non controllata di erba incolta;
  • molti di questi appezzamenti costituiscono lotti edificabili che spesso si trovano a quote inferiori rispetto alla quota stradale e tali da determinare ristagni d’acqua con conseguente proliferazione della zanzara tigre;
  • analogo problema presentano i numerosi lotti a fronte strada, che sovente determinano gravi problemi di visibilità e viabilità a causa dell’incuria dei proprietari che non provvedono ad eseguire le opere di loro spettanza, come il taglio della vegetazione incolta, di arbusti, di rami che si protendono oltre il ciglio della strada.

Considerato che:

  • tali circostanze, oltre a determinare il deprezzamento delle zone attigue e a sminuire il decoro, rappresentano un reale pericolo per la salute e l’incolumità della popolazione, favorendo il proliferare di animali in genere ed in particolare di topi, ratti, serpenti, ed insetti vari e facilitando, nella stagione estiva, la propagazione di incendi vista, in taluni casi, la presenza di rifiuti abbandonati all’interno dei lotti;
  • permangono da diversi mesi e con frequenza, esposti, lamentele e segnalazioni da parte dei cittadini residenti nei lotti adiacenti e di recente costruzione, circa lo stato du incuria e di abbandono dei detti appezzamenti privati.

Ritenuto opportuno:

  • nell’interesse di tutelare la salute e l’igiene pubblica, che gli interessati proprietari o concessionari dei lotti descritti in premessa, procedano alla pulizia e alla recinzione dei suddetti terreni per evitare la proliferazione di animali in genere, l’abbandono di rifiuti ed il possibile innesco di incendi.

Visti:

  • gli artt. 50 e 54 del D.Lgs 18 agosto 2000 n. 267;
  • l’art. 117 del D.L.gs 31 marzo 1998 n. 112;
  • la legge 21 novembre 2000 n. 353 in materia di incendi boschivi;
  • l’art. 255 del D.L.gs 152/2006 Codice dell’Ambiente e s.m.i.;
  • il D.L.gs 30 aprile 1992 n. 285 Nuovo codice della strada;
  • l’articolo 892 del Codice Civile.

Per motivi di Sanità, Igiene Pubblica e Pubblica Sicurezza,

ORDINA

A tutti i proprietari o concessionari di fondi, appezzamenti, lotti edificabili o relitti di terreni privati adiacenti a vie, spazi pubblici e non di:

  1. provvedere, a proprie cure e spese, alla manutenzione e agli interventi di pulizia mediante l’asportazione del seccume vegetale e di eventuali rifiuti presenti sui singoli lotti al fine di evitare pericoli e danni per la salute pubblica con divieto assoluto di eliminazione mediante accensione di fuochi;
  2. provvedere, a proprie cure e spese, al taglio della vegetazione incolta, di arbusti, di rami che si protendono oltre il ciglio della strada;
  3. provvedere allo smaltimento degli sfalci e di tutti i rifiuti nel rispetto della normativa vigente;
  4. evitare, all’interno del terreno di proprietà o di concessione, di produrre o mantenere ristagni di acqua anche semipermanenti al fine di impedire la proliferazione di insetti vari che siano causa di potenziale pericolo per la salute pubblica;
  5. di provvedere a quanto sopra immediatamente ed entro e non oltre il 30 aprile, il 30 maggio, il 30 giugno, il 30 agosto e il 30 settembre di ogni anno.

INFORMA

Tutti gli interventi di manutenzione e pulizia dovranno essere effettuati ciclicamente secondo le scadenze di cui al punto 5) e comunque, ogniqualvolta se ne ravveda la necessità, al fine di garantire la perfetta pulizia e manutenzione delle aree onde evitare pericoli alla salute e alla incolumità pubblica.

AVVERTE

Che qualora tutti coloro che hanno l’obbligo giuridico di provvedere a quanto ordinato non si attivino, a seguito di accertamento, gli interventi verranno eseguiti d’ufficio, con spese a totale carico degli inadempienti verso cui verranno elevate sanzioni amministrative da € 250,00 ad € 500,00.

DISPONE

  1. L’affissione della presente ordinanza all’Albo Pretorio e sul sito Web del Comune da parte del responsabile del servizio che è incaricata di dare adeguata pubblicità al provvedimento;
  2. A norma dell’art. 3 e 4 della legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni, si avverte che, avverso la presente ordinanza, in applicazione della legge 6.12.1971 n. 1034, chiunque vi abbia interesse potrà ricorrere per incompetenza, per eccesso di potere o per violazione di legge, entro 60 gg dalla pubblicazione, al TAR; in alternativa è possibile ricorrere in forma straordinaria al Presidente della Repubblica entro 120 gg decorrenti dalla data di pubblicazione.

DEMANDA

Alla Polizia Municipale, all’Ufficio Tecnico, per quanto di competenza, a vigilare sull’osservanza della presente Ordinanza.

REVOCA

Tutte le disposizioni precedenti che siano in contrasto con la presente Ordinanza.
E’ fatto obbligo a chiunque rispettare e far rispettare la presente Ordinanza.

Il Sindaco
F.to Ida Antonietta ALBANESE

Accessibility